Periodicamente le case produttrici di componenti ci abituano a prototipi che promettono nuove eccezionali prestazioni.
Che sia la durata della batteria o un’impermeabilità ai limiti della fisica, spesso questi prototipi non vengono completamente integrati nei dispositivi della generazione successiva risultando essere quindi meri oggetti di ricerca e marketing.

Questa volta però Samsung sembra fare sul serio ed il display che ha sviluppato ha dell’incredibile.

Ovviamente flessibile, il display è stato certificato dagli Underwater Laboratories, la società di test ufficiale della Occupational Safety and Health Administration (OSHA) del Dipartimemento del Lavoro negli USA.
Cosa significa?
Significa che il display ha dovuto passare test severissimi per prendere quella certificazione.

Il nuovo display OLED difatti è stato testato facendolo cadere per ben 26 volte da un’altezza di 1,2 metri senza riportare il minimo danno. In seguito il pannello è stato sottoposto a temperature estreme, da -32 a 71° C, continuando sempre a funzionare senza problema. Infine i test di caduta sono stati ripetuti da un’altezza di 1.8 metri, ben al di là degli standard richiesti dai test militari, uscendone sempre perfettamente integro sul frontale, sui bordi e sugli angoli.

Per realizzare il pannello Samsung ha utilizzato un substrato infrangibile a cui è poi stata applicata una copertura plastica flessibile in luogo del vetro.

I test sul campo insomma sembrano dare risultati straoridinari e fanno supporre che uno dei problemi che funesta maggiormente i device moderni, ossia la rottura di vetro e/o display si possa arginare sensibilmente.

 

 

Fonte: Tom’s Hardware

 

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi