Il disegno di legge sull’obbligo del seggiolino salvabebè è stato approvato al Senato con 261 il 26/09/2018 sì e un solo astenuto.
Il seggiolino smart dotato di sensori che aiutano a evitare l’abbandono dei bimbi sulle auto, diventerà così obbligatorio a partire dal 1 luglio del 2019.
L’obbligo prevede che, qualora in auto sia presente un bambino di età inferiore ai quattro anni, sia necessaria la presenza di un dispositivo elettronico in grado di segnalare la presenza del bimbo in qualsiasi momento, evitando così che venga involontariamente abbandonato in auto.
Il problema in questione è ormai tristemente noto a tutti visto che i fatti di cronaca ci riportano, soprattutto durante l’estate, di episodi in cui questa disattenzione è risultata fatale.
La casistica nei soli Stati Uniti vede tristemente circa 37 bimbi all’anno perire a causa di una sindrome che si chiama amnesia dissociativa, causata dallo stress nella maggior parte dei casi.

-Giusto per capire a grandi linee di cosa si tratti, possiamo dire che qualsiasi disturbo dissociativo comporta lo sconvolgimento e/o discontinuità nella normale integrazione di coscienza, memoria, identità, emozione, percezione, rappresentazione del corpo e comportamento.
Sotto grande stress quindi, è possibile che degli elementi vadano in “crash” causando dei disturbi, nel caso specifico dell’amnesia il soggetto ha una incapacità a ricordare dati personali importanti che va oltre la tendenza a dimenticare.
L’amnesia dissociativa ad esempio è ciò che capita a chi è vittima di un evento molto traumatico come un grave incidente, e non è in grado di ricordare avvenimenti accaduti subito prima e/o subito dopo tale trauma.

Questa comporta quindi una sorta di “buco” della memoria per cui in quel momento quell’elemento oscurato non esiste affatto.
Le persone coinvolte in questi episodi pertanto, quando si accorgono della loro distrazione, è come se si risvegliassero da un sonno per cadere in un incubo purtroppo reale. Questo tipo di disturbo può quindi spiegare come una cosa prioritaria come un figlio possa essere dimenticata.

Per cercare di azzerare questi incidenti evitabili il seggiolino anti abbandono è un seggiolino smart che si collega al proprio smartphone (o qualsiasi altro dispositivo si abbia con se) tramite bluetooth e, per mezzo dell’app è possibile configurare un account familiare condiviso, grazie a dei sensori presenti sarà in grado di rilevare automaticamente quando il bebè verrà accomodato sul seggiolino avvisando tutti i device configurati tramite una notifica.

Il costo di questi seggiolini non è esattamente economico (intorno ai € 250) ma probabilmente in futuro verranno proposte soluzioni più economiche conformi alla legge.
Contestualmente l ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli ha dichiarato che nella legge di bilancio saranno previsti dei fondi per aiutare le famiglie ad acquistare questi dispositivi.

Per i trasgressori le penevariano non saranno lievi, dagli 81 ai 326 euro di multa ma si può arrivare anche alla sospensione della patente da un minimo di 15 giorni fino a due mesi nel caso l’infrazione venga rilevata più di una volta in due anni.

Una grande idea che può evitare dimenticanze disastrose, certo, ma anche in futuro non sarà affatto consigliabile affidarsi esclusivamente ai seggiolini smart.
Una mancata connessione, il telefono scarico, un problema tecnico di qualsiasi tipo invaliderebbe infatti la funzionalità del dispositivo e la conseguenza è che invece di aumentare la sicurezza dei bebè a bordo contribuiscano alle dimenticanze di chi non percepisce avvisi sul proprio dispositivo.

Per quanto questi seggiolini possano avere sistemi smart che ne garantiscano la massima efficienza, l’attenzione di un genitore verso i propri figli non sarà mai interamente sostituibile e per questo vanno interpretati come degli aiuti e non dei succedanei.
Creare dei comportamenti rituali, delle cheklist delle cose essenziali da fare ma in generale riuscire mentalemente a mettere sempre in primo piano i propri figli anche a scapito di riunioni, appuntamenti, social e quant’altro costituisce un comportamento fondamentale da tenere quando si hanno dei bambini sotto il proprio controllo e responsabilità. Non solo per i viaggi in auto.

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi