La pixel art è ampiamente amata, fa simpatia e rimanda ad un’epoca in cui l’abuso della parola HD era sostituita dall’abuso “Turbo” ma dietro quello che sembra un semplice quadretto fatto di led animato c’è decisamente di più.

Pixel Kit nasce da un’iniziativa Kickstarter del 2014 che ha trovato subito il favore del pubblico grazie ad un progetto ben strutturato (che utilizzava Raspberry Pi) per avvicinare i più piccoli ai fondamenti della programmazione.

La sua evoluzione “current gen” , finanziata anch’essa tramite Kickstarter, vede nel suo kit di montaggio un assortimento di parti colorate e accessibili, al centro una scheda personalizzata sviluppata da Kano ospita un processore, una batteria rimovibile e una scheda microSD, con tre porte USB e uno slot micro-USB per l’alimentazione / ricarica.
Da un lato c’è una griglia di piccole luci che brillano attraverso un box trasparente a scatto.
Un libretto in stile Lego guida attraverso il processo di costruzione, che è abbastanza semplice grazie al numero limitato di partiBasterà collegare un piccolo joystick, un paio di pulsanti, e si sarà pronti a codificare applicazioni semplici che prendono vita attraverso i LED della scheda di illuminazione.

Come funziona:

Iniziare a “giocare” con Pixel Kano è piuttosto semplice, è sufficiente collegarlo ad un computer e tramite il software gratuito disponibile per PC e MAC e grazie ad un’interfaccia semplice dalle icone pulite ed intuitive si è pronti a dire al proprio dispositivo cosa fare.
Per dirglielo però occorre programmarlo a tutti gli effetti e proprio qui gli sviluppatori di Kano sono stati abili nel creare un sistema che attraverso una serie di “sfide” porta l’utente a svolgere i compiti più semplici che gli insegnano le basi della programmazione, fino a sfide più articolate ed avanzate che danno risultati più raffinati e soddisfacenti, in un bilanciamento della difficoltà volto ad una progressione indolore che invoglia l’utente a continuare il suo gioco/studio.
Per fare questo, le sfide aumentano gradualmente in difficoltà introducendo nuove idee solo quando le precedenti sono state fissate e ripetute.
Nella finestra del software il tutto è reso da una casella di testo nell’angolo in alto a sinistra spiega la logica dietro ogni passo, mentre un punto giallo indica il pezzo da puzzle che è necessario afferrare successivamente.
Per chi fosse impaziente è anche possibile ignorare completamente le spiegazioni e procedere, pratica tuttavia sconsigliata in quanto comprendere ogni passo e capire la funzione di ogni blocco, incluso il suo rapporto con il resto dei blocchi a cui è connesso, permette di ampliare la propria conoscenza e diventare autonomi riuscendo a costruire qualcosa e comprendere veramente come funzioni al suo interno.

 

Una volta completate, le sfide, permetteranno di costruire quello che si preferisce.
Ogni strumento dell’applicazione è a disposizione per ulteriori esperimenti che includono fonti di “dati” esterne, come le previsioni meteo, le notizie e persino la Stazione Spaziale Internazionale.

Cosa si può fare con Pixel Kit?

Lo spazio alla fantasia è davvero parecchio ed una volta padroneggiato il sistema di programmazione è possibile sfruttare il Kit per creare animazioni in pixel art in stop motion, quadri che cambiano a tempo, creare un visualizzatore di musica che scorre mentre si battono le mani o della musica viene riprodotta, giochi con labirinti da superare, personaggi da far saltare sugli ostacoli (un pò come Super Mario)  e persino stazioni meteo che ricevono le informazioni.

Tutte cose che possono sembrare divertenti fino ad un certo punto, ma il prodotto finale è solamente la punta dell’iceberg in quanto il vero divertimento e la vera sfida è nello riuscire a dar vita a qualcosa con le proprie mani passo passo e , grazie alle abilità acquisite che costituiranno poi la base per la comprensione dei linguaggi di programmazione veri e propri.

Una volta completati, i propri lavori, possono essere condivisi con la comunity che già conta circa 300.000 utenti ed al contempo provare i programmi realizzati da altri utenti caricandoli sul proprio Pixel Kit.

In conclusione il Pixel Kit è un prodotto riuscito, che da la possibilità ai più giovani (e non solo) di sperimentare e divertirsi programmando in maniera intuitiva e mai noiosa, vedendo materialmente il frutto dei propri sforzi.
Permette un utilizzo del computer intelligente educando al contempo al suo funzionamento ed utilizzo.

Se state cercando un regalo tecnologico azzeccato per le feste imminenti questa è sicuramente una valida alternativa..

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi