I passi in avanti nel settore dell’Intelligenza Artificiale sono costanti e veloci.

Sempre più aziende si occupano del settore e, più o meno consapevolmente, ognuno di noi contribuisce ogni giorno al raffinamento delle abilità delle IA utilizzando i propri dispositivi smart o, ancora più nettamente, gli assitenti vocali, inclusi quelli domestici.
Ogni volta che esprimiamo una preferenza che il nostro smartphone deve ricordare, sia un ristorante preferito, il luogo di lavoro, un musicista, un social, o facciamo una richiesta al nostro assistente virtuale, non solo questo si mette al lavoro per noi per darci il miglior risultato possibile che è in grado di trovare, ma ci fornisce anche informazioni che intuisce possano interessarci, come avvisi sul traffico e il meteo del nostro percorso abituale, l’uscita di una notizia inerente ai nostri argomenti preferiti ecc.

Intuisce per l’appunto e le sue intuizioni migliorano con il crescere dei dati che forniamo al nostro device, il quale non le tiene per se ma condivide le sue nuove abilità acquisite in base alle nuove informazioni al fine di raffinare in assoluto la sua IA.

Tutto questo porta ad alcune funzionalità tutt’altro che rudimentali, ad esempio in alcune città italiane è in funzione X-LAW , ossia un’intelligenza artificiale che in base al database di denunce e reati commessi (che contengono una serie di variabili come tipologia di esercizi orari di attività ecc..) è in grado di fare una previsione su dove possa avvenire un reato futuro e pre allertare le pattuglie di zona perchè si tengano pronte.


E’ chiaro perciò come sia necessiario capire come indirizzare le IA al fine di tutelare i dati delle persone e delineare un’etica di sviluppo che ponga degli argini a ciò che una IA possa diventare
Per la prima volta si è costretti a fare i conti con una tecnologia che non è mero strumento di supporto alle attività dell’uomo. Potenzialmente questo tipo di tecnologia ha infatti la capacità di sostituirlo completamente.

L’Unione Europea è la prima tra le grandi istituzioni mondiali a rendersi conto di tale necessità e ad agire di conseguenza predisponendo un progetto volto a regolamentare tale fenomeno.

Alla luce di queste problematiche, infatti, la Commissione Europea, nel giugno 2018, ha selezionato un gruppo di 52 esperti provenienti dal mondo accademico, dell’industria e della società civile al fine di redigere un documento provvisorio contenente linee guida relative all’uso dell’Intelligenza Artificiale.
Il documento definitivo, da modificare ed integrare anche con le osservazioni provenienti dalla società civile, è atteso per marzo 2019 .

Da tale progetto risulta chiaro che l’obiettivo fondamentale, per una realtà quale quella europea, deve essere quello di promuovere fin da subito un approccio etico e trasparente per promuovere lo sviluppo di tecnologie IA.
Il fine è quello di incoraggiare i ricercatori a sviluppare tali sistemi nel rispetto del principio di non discriminazione umana e nel rispetto della normativa sulla privacy.
Riprendendo il principio di privacy by design, cardine del GDPR, ossia di un sistema privacy costruito dalle fondamenta, l’Unione Europea tenta di imporre fin dalla fase di progettazione di tali tecnologie il rispetto di fondamentali valori.

Il tema della privacy pare essere il più rilevante in questa prima fase di sviluppo dell’Intelligenza Artificiale. In ossequio a quanto disposto all’interno del documento provvisorio, non saranno ammessi sistemi di raccolta dati e di profilazione di massa, attraverso sistemi simili o di altro tipo.
Se forse siamo ancora lontani (ma non troppo) dallo sviluppo di automi completamente indipendenti, l’utilizzo di sistemi di IA più semplici è una costante dei nostri giorni. Pensiamo semplicemente al modo in cui riescono ad interagire con noi gli assistenti vocali dei nostri smartphone. Questi, basandosi sui dati biometrici raccolti giorno dopo giorno, sono in grado sempre più di fornire risposte adeguate alle nostre necessità.


Centrale, secondo le linee guida, deve essere il rispetto dei diritti fondamentali ed il ruolo della dignità umana. Le macchine caratterizzate da tali tecnologie dovranno sempre agire in favore della realizzazione dell’autonomia dell’uomo e mai limitandola. Questo risulta essere il principio cardine attorno al quale sviluppare tali tecnologie.

Altri principi fondamentali che emergono dalle predette guidelines evidenziano la necessità di sviluppare un sistema improntato al benessere individuale e collettivo. Tali tecnologie non dovranno, quindi, mai e poi mai danneggiare l’essere umano, ma proteggere la sua dignità, la sua sicurezza fisica, psicologica e finanziaria.

Non sempre l’uomo è riuscito a scegliere tra sviluppo tecnologico e rispetto dei principi etici. In tale contesto l’Unione Europea, almeno in linea di principio, sembra aver scelto per il rispetto dei secondi. Ponendo al centro delle linee guida principi quali la dignità umana, l’uomo, il rispetto della democrazia e della giustizia, l’Unione Europea manifesta la volontà di non rendere eccessiva l’intrusione di tali tecnologie nella vita quotidiana.

I sistemi di IA dunque, non potranno mai essere utilizzati per estrapolare dati personali particolare o per scopi di profilazione. Tutti i progetti volti allo sviluppo di questi sistemi, dovranno attenersi a tali principi per quanto attiene la progettazione degli algoritmi alla base di tali tecnologie, eventualmente modificando gli stessi algoritmi se in contrasto.


Rispetto a quanto sta avvenendo nel Vecchio Continente in tema di lo sviluppo di tecnologie, in Cina, già da qualche anno, gli investimenti in questo settore sono ingenti.
Questo Paese rappresenta già ad oggi il punto di riferimento principale per tali tecnologie e si prospetta che attorno al 2030 riuscirà a consolidare il ruolo di superpotenza nel campo dell’Intelligenza Artificiale.
Il differente approccio allo sviluppo di tali sistemi nella realtà cinese è dettato principalmente dal differente contesto politico rispetto a quello europeo.
Il Governo di Pechino infatti, sembra essere sempre più intenzionato ad utilizzare tali tecnologie per creare un sistema di controllo di massa.
A tal fine, dal 2020, verrà realizzato il progetto di “Sistema di credito sociale”. Mediante il supporto di sistemi di videosorveglianza e controllo a 360°, dotati di tecnologia IA, verrà assegnato un punteggio ai cittadini. Sulla base di tale punteggio, dettato dall’analisi di ciò che i cittadini dicono sui social ma anche delle abitudini di acquisto degli stessi, il governo cinese potrà precludere o incentivare l’accesso a determinati servizi.
La polizia di Pechino poi, ormai da qualche anno, è dotata di occhiali con tecnologia di riconoscimento facciale capace di identificare un volto con esattezza, confrontandolo con i dati provenienti da un database contenente migliaia di persone.
Da quanto sopra appare che questo Paese ha adottato un approccio diverso da quello europeo sul tema della protezione dei dati personali dei cittadini. Non è il singolo, infatti, ad essere messo al centro del progetto quanto piuttosto lo Stato e la collettività. L’esigenza di sicurezza sociale tende così a prevalere su quei principi di dignità dell’uomo e di rispetto della privacy posti a fondamento del progetto di codice etico europeo.









Fonte: Tom’s Hardware

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi