Word Online a breve potrà beneficiare di una nuova funzione chiamata “ideas” che grazie all’Intelligenza Artificiale sarà più di un semplice correttore: analizzerà il testo scritto proponendo modifiche a frasi o interi paragrafi per migliorare qualitativamente lo scritto rendendolo ad esempio più scorrevole o comprensibile.

Qualcosa di impressionante se si pensa che il componimento di un testo scritto riflette personalità e gusti dell’autore in base ai termini scelti e allo stile narrativo.
In alcune occasioni tuttavia può capitare che si utilizzi un certo termine in maniera poco avveduta e, anche questo caso, ideas interviene con lo scopo di produrre testi più inclusivi con parole che non sottendano una discriminazione basata su sesso razza religione ecc.., funzione preziosa se si pensa ad esempio a chi si occupa di comunicazione pubblica o chi deve rivolgersi a persone eterogenee.

I suggerimenti di ideas non finiscono qui, può infatti anche darci indicazioni sui tempi di lettura (funzione benedetta da chi prepara discorsi o tesi di laurea) e sciogliere per noi gli acronimi, recuperando le informazioni direttamente sul Web grazie a Microsoft Graph.
Infine per chi fa il revisore o deve estrarre un sunto da un testo più ampio (gli studenti saranno di nuovo contenti) Ideas può anche identificare per noi i punti salienti di un testo.

Ideas tuttavia non sarà ad appannaggio di tutti.
Sarà una funzione implementanta in Word Online facente parte del pacchetto Office 365 il quale risulta essere sempre di più la scelta migliore per i servizi offerti rispetto alla controparte classica.
Microsoft ormai valorizza il servizio 365 sottolineando come sia il pacchetto Office per eccellenza proprio grazie agli aggiornamenti costanti dei quali beneficiano tutti i programmi della suite.

La nuova funzione sarà disponibile da Giugno per gli iscritti al programma Insider e verrà rilasciata completamente nel corso dell’Autunno.

Saremo tutti scrittori a prescindere dalla profondità della conoscenza della complessa lingua italiana e del suo vocabolario quindi?
Se da un lato il rischio di impigrirsi e perdere contatto con grammatica e sintassi è palpabile, dall’altro bisogna sempre considerare che ideas è uno strumento e come tale ad essere importante è l’uso che se ne fa.
Basti pensare ad esempio a quanto potrebbe aiutare persone con problemi di dislessia o disgrafia a comunicare e correggere il loro disturbo.




Fonte: Tom’s Hardware

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi