Dal 5 Ottobre 2021 è possibile aggiornare il proprio computer a Windows 11.
Il rilascio sarà come sempre graduale ma è già possibile scoprire se il proprio computer è pronto, grazie all’apposita voce presente in Windows Update.
Ma andiamo con ordine.

Cosa cambia.

Le novità trovano tutte conferma rispetto a quando ne abbiamo parlato nel precedente articolo dedicato al nuovo Sistema Operativo di Windows (lo potete recuperare qui)
Come in tutti gli update la prima cosa che si nota è come l’interfaccia grafica presenti delle differenze.
Con questa edizione si è cercato di rendere più minimalista l’iconografia, quando si avvia una nuova finestra, questa risulterà “spezzata” in due zone: quella laterale sinistra, in cui non mancheranno tutti i tab di navigazione e quella centrale, in cui invece ci sarà il solito piano di lavoro.
In quest’ultima si noterà principalmente il nuove design delle icone, più colorare e dettagliate, oltre a quelle delle classiche icone dei software, dei programmi e delle opzioni.
La colonna di sinistra invece avrà un design traslucido che sarà si modificherà in base allo sfondo impostato sul desktop.

La discussa barra delle applicazioni si presenta di default con le icone allineate al centro, tuttavia sarà possibile allinearle tutte a sinistra come da abitudine semplicemente dalle impostazioni.

Più incisivi i cambiamenti sul menù di start che si presenterà più come una finestra nella quale verranno mostrate le app ed i file più utilizzati.
Sarà possibile comunque cliccare su un tasto per mostrare tutte le app installate in ordine alfabetico, analogamente all’elenco che viene mostrato su Windows 10.

Anche le finestre di esplora risorse e le finestre delle applicazioni godranno di alcune aggiunte che permetteranno di agevolare il multitasking distribuendo la visualizzazione come ci è più comodo.

Non solo estetica però nel nuovo Sistema Operativo, con grande apprezzamento da parte di molti sarà infatti possibile installare come sottosistema Linux.
Il Windows Subsystem for Linux (WSL) consente di eseguire il software Linux sul proprio PC Windows 11.
Quando si abilita WSL, Windows installerà un kernel Linux personalizzato: è quindi possibile installare Ubuntu o un’altra distribuzione GNU/Linux a propria scelta presenti sul Microsoft Store.
Non solo Linux ma su Windows 11 saranno utilizzabili anche le App di Android anche se bisognerà aspettare un pò di tempo dopo il lancio.

Come installarlo

Per installarlo come anticipato occorre avere un computer idoneo.
Per superare il controllo qualità il computer dovrà avere tra le altre cose un processore da almeno 1 Ghz a 64 bit, 4 Gb di RAM e il supporto alla tecnologia Tpm 2.0 (Trusted Platform Module).
Se i requisiti verranno rispettati sarà possibile effettuare l’aggiornamento analogamente a quanto avviene per un normale aggiornamento di Windows 10, modalità che era già stata sperimentata con il passaggio da Windows 8.1 al 10.
Un altro modo possibile è quello di scaricare la ISO dal sito di Microsoft, creare una pendrive per l’installazione ed inserire quest’ultima in una porta USB prima della fase di boot.

Qualora doveste riscontrare difficoltà oppure il vostro computer non sia apparentemente idoneo all’aggiornamento, vi invitiamo a farci visita presso il nostro laboratorio dove sarà possibile aggiornare o configurare il vostro computer in maniera tale da essere pronto a ricevere l’aggiornamento a Windows 11 in maniera pienamente efficiente.

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi